Dove Dio ci vuole

Nuovo libro sulla Cultura Vocazionale Vincenziana

Un regalo della Congregazione della Missione
a tutti i Vincenziani del mondo!

Info sul libro

“Intorno alla Cultura Vocazionale e alla Cultura vocazionale Vincenziana, l’autore struttura una serie di concetti che, alla fine, riescono a disegnare uno scenario adeguato per la Pastorale Vocazionale. Sono le pennellate accurate che un artista cattura sulla tela per dare prospettiva alla propria pittura. L’approccio non manca mai di profondità. E bisogna dire che solo quando le cose sono viste in profondità emerge chiarezza nell’azione…”.  Commento del Vicario Generale, Javier Álvarez CM, presente nella prefazione del libro.
Secondo l’autore, l’opera è il punto di arrivo di una serie di riflessioni tratte dalle sue conferenze e dai suoi articoli, ma non solo, in quanto tiene conto dei contributi di personalità di spicco nel campo della Pastorale Vocazionale come Amedeo Cencini, così come dei contenuti dei Congressi Vocazionali d’Europa e dell’America Latina e soprattutto trae molti spunti dal Sinodo su Gioventù, Fede e Discernimento Vocazionale, tenutosi a Roma nel 2018, così come dall’Esortazione Apostolica post-sinodale di Papa Francesco Christus Vivit.

 

“La cultura vocazionale è, dunque, il cuore della Nuova Evangelizzazione, e più forte batte, più forte è l’annuncio della salvezza ai poveri e più operai finiscono per rispondere a questa chiamata”

 

Indice degli argomenti

^

Un contesto professionale impegnativo

Capitolo I
^

Uno sguardo nello specchio

Capitolo II
^

Un Cultura Vocazionale

Capitolo III
^

Una cultura vocazionale e il carisma vincenziano

Capitolo IV
^

Coordinate per una cultura vocazionale vincenziana

Capitolo V
^

Un carisma che si allontana (per uscire)

Capitolo VI
^

Con lo sguardo di Cristo e di San Vincenzo (Vedere)

Capitolo VII
^

Sfidare gli altri a seguire Gesù Cristo nella carità/missione (Chiamare)

Capitolo VIII

Introduzione

I primi decenni del ventunesimo secolo sono stati abbastanza piacevoli. Direi che è stato come parlare di una vecchia amicizia che ha portato loro una grande gioia: poter lavorare a vari progetti di collaborazione vincenziana attraverso una serie di reti, il cambiamento sistemico, le Commissioni di Pace e Giustizia, fornire migliori risorse per il servizio a favore dei poveri nei settori della salute e dell’istruzione, la formazione digitale, gli incontri virtuali, il progetto dei senzatetto. Dobbiamo anche includere il fatto che siamo stati in grado di riunire migliaia di Vincenziani a Roma per celebrare il 400° anniversario del nostro carisma. Sono fatti che, solo per citarne alcuni, riflettono ciò che possiamo fare con un certo grado di normalità e che forse sarebbe stato impensabile in un’epoca precedente. Allo stesso tempo, le sfide degli ultimi decenni non sono meno visibili e sono state rese molto chiare all’interno della Famiglia Vincenziana: la moltiplicazione dei volti della povertà, il fenomeno dell’immigrazione, il fondamentalismo religioso, il terrorismo, il laicismo, gli scandali nella Chiesa, i problemi dell’abbandono e della stabilità nelle Congregazioni vincenziane oltre a una diminuzione del personale in Occidente. Queste sono alcune delle difficoltà che si possono trovare nella lista che è stata solennemente coronata dalla pandemia di Covid-19.

Poiché, con le sue luci e le sue ombre, abbiamo il palcoscenico su cui si apre la porta del V secolo delle nostre origini, con una traiettoria che potrebbe essere considerata un po’ incerta, così incerta che potrebbe non sembrare più molto audace chiedersi: le Congregazioni vincenziane, come la Congregazione della Missione e le Figlie della Carità, sono condannate all’estinzione? Non abbiamo niente di più da guardare, almeno in Occidente, che un futuro che sembra più un’organizzazione geriatrica che una comunità di missionari e di servi dei poveri?

Capitoli

Pagine

Il libro è composto da tre parti, otto capitoli e 208 pagine. La prima parte (composta dai capitoli I e II) offre uno studio della realtà giovanile, con dati e statistiche della Congregazione della Missione, più alcune importanti riflessioni, come il caso della “pandemia della mediocrità”, che è la metafora usata da Gutiérrez per porre un problema silenzioso che sta all’interno della Vita Consacrata e da cui le congregazioni vincenziane non sfuggono. Nella seconda parte (composta dai capitoli II, IV e V) si stabiliscono concetti molto chiari a partire dalla teologia e da altre scienze, per fare una lettura delle dimensioni della cultura vocazionale dal punto di vista del Vincenzianismo.  Nel capitolo V l’autore stabilisce quattro coordinate che considera definitive per una cultura vocazionale vincenziana: “autentico profetismo, radicalismo o estinzione, ringiovanimento o sclerotizzazione” e il principio di Papa Francesco: “il tempo è superiore allo spazio”. Infine, nella terza parte (con i capitoli VI, VII e VIII) il lavoro si conclude offrendo una “Pedagogia vocazionale vincenziana” attraverso tre verbi: uscire, vedere e chiamare.

Ho avuto il piacere di essere tra i primi a leggere il libro di P. Rolando Gutierrez "Dove Dio ci vuole" e in quelle pagine ho respirato fortemente lo spirito missionario degli ardenti vincenziani. Il nostro confratello ci ha dato un testo decisivo e stimolante.

Tomaž Mavrič, CM – Superiore Generale

Un potente strumento per una nuova comunicazione sulla Cultura Vocazionale!

P. Hugo Vera, CM – Direttore dell’ufficio di Comunicazione

Intorno alla Cultura Vocazionale e alla Cultura vocazionale Vincenziana, l’autore struttura una serie di concetti che, alla fine, riescono a disegnare uno scenario adeguato per la Pastorale Vocazionale.

Francisco Javier Álvarez, CM – Vicario Generale

Biografia dell’autore

Ha studiato filosofia e teologia all’Università Cattolica di Costa Rica, ha un diploma in Pastorale Vocazionale del Centro Teologico Biblico per l’America Latina (CEBITEPAL) del CELAM; un diploma in Formazione Sacerdotale dell’Università di Valle de Atemajac a Jalisco, Messico. Attualmente sta conseguendo un Master in Discernimento Vocazionale e Accompagnamento Spirituale presso la Pontificia Università di Comillas a Madrid.

È stato presidente della Commissione di Pastorale Vocazionale della Conferenza dei Religiosi del Costa Rica per due mandati, e ha fatto parte della Commissione Nazionale di Pastorale Vocazionale della Conferenza Episcopale del Costa Rica fino al febbraio 2021, quando si è dimesso per dedicarsi ai servizi congregazionali.

Nel 2018 ha collaborato alla proposta tematica dell’Incontro Internazionale dei Direttori di Pastorale Vocazionale presso il CIF, Parigi, ed è stato relatore nello stesso evento.

Recentemente, il Superiore Generale lo ha nominato Coordinatore del Progetto di Formazione Virtuale per i Direttori della Pastorale Vocazionale.

Tradotto con www.DeepL.com/Translator (versione gratuita)

Dopo la pubblicazione di diverse decine di articoli relativi alla Pastorale Vocazionale e al Carisma Vincenziano, ha pubblicato l’opera Dove Dio ci vuole nell’agosto 2020 che cerca di energizzare la Cultura Vocazionale all’interno del carisma di San Vincenzo, specialmente nella Congregazione della Missione.
P. Rolando Gutierrez, CM

scarica i libri nelle altre lingue

Portuguese

Resta aggiornato con Nuntia!

È il Bollettino della Congregazione della Missione, un mezzo di comunicazione e di informazione ufficiale. Iscrivendoti hai la possibilità di scaricare o leggere la pubblicazione di Nuntia ogni mese online.